Tiroide, le malattie da conoscere


La tiroide è una ghiandola endocrina, situata anteriormente, alla base del collo, davanti alla laringe e alla trachea, con una caratteristica forma ad “H” o “a farfalla”.

La tiroide produce principalmente due ormoni: la triiodotironina (T3) e la tetraiodotironina o tiroxina (T4). La T3 e la T4 hanno un ruolo fondamentale nel regolare la funzione di molti organi del corpo umano e più in generale del metabolismo. La produzione degli ormoni tiroidei è sotto il controllo di altre due ghiandole situate a livello cerebrale: l’ipotalamo, con la produzione di TRH (Thyrotropin Releasing Hormone), e l’ipofisi, con la produzione del TSH (Thyroid Stimulating Hormone).

Il TSH regola il rilascio di ormoni tiroidei tramite un meccanismo di “feedback negativo”, cioè quando T3 e T4 si innalzano troppo nel sangue il TSH si riduce diminuendo a sua volta la produzione di T3 e T4; viceversa, quanto T3 e T4 scendono sotto i livelli di normalità, il TSH aumenta stimolando le cellule tiroidee a rilasciare maggiori livelli di ormoni.

La tiroide inoltre è deputata alla produzione di un altro ormone: la calcitonina, coinvolto nel metabolismo del calcio, di cui attualmente non ci occuperemo.

Le malattie legate alla tiroide

Le più comuni disfunzioni tiroidee sono l’ipertiroidismo e l’ipotiroidismo. Per ipertiroidismo si intende la produzione in eccesso di ormoni tiroidei, che provoca un aumento dell’attività metabolica e clinicamente si manifesta con perdita di peso, affaticamento, irritabilità, tachicardia, aumento della sudorazione, intolleranza al caldo, insonnia. L’ipotiroidismo è invece una condizione caratterizzata dalla riduzione della produzione di ormoni tiroidei, con conseguente diminuzione dell’attività metabolica; i sintomi principali sono: affaticamento, sonnolenza, riduzione della concentrazione, intolleranza al freddo, senso di gonfiore, depressione.

tiroide

La patologia nodulare della tiroide può essere presente anche con una normale funzione tiroidea. Il riscontro di noduli tiroidei è molto frequente: nel 5% della popolazione generale possono essere rilevati con la semplice palpazione del collo, mentre più frequentemente vengono riscontrati mediante esame ecografico (30-50% dei casi) spesso anche in occasione di ecografie eseguite per altri controlli (ad esempio nel corso di ecocolordoppler dei vasi del collo). Il 90-95% della patologia nodulare tiroidea è di origine benigna e non comporta spesso alcuna sintomatologia a meno che i noduli non raggiungano dimensioni tali da determinare fenomeni compressivi su trachea ed esofago con conseguente senso di soffocamento e disturbi alla deglutizione.

La patologia più diffusa della tiroide è la tiroidite cronica autoimmune (o tiroidite di Hashimoto). La tiroidite è un processo infiammatorio a genesi autoimmune, spesso silente e nella maggior parte dei casi comporta una graduale, progressiva e irreversibile riduzione della funzionalità tiroidea fino all’ipotiroidismo conclamato. Alla base di questa patologia vi è un processo infiammatorio autoimmune che porta alla distruzione delle cellule tiroidee a causa dell’attivazione delle cellule deputate all’immunità (linfociti B e linfociti T) contro alcune strutture cellulari tiroidee. Il meccanismo d’azione alla base di questa attivazione non è ancora chiaro, ma tale processo comporta una attiva lotta delle cellule immunitarie nei confronti della tiroide stessa. Questo processo infiammatorio e l’infiltrazione linfocitaria che ne consegue determinano la morte delle cellule tiroidee e quindi una riduzione della sintesi degli ormoni.

L’evoluzione della tiroidite può essere diversa, il volume tiroideo può, nel tempo, aumentare (gozzo), restare normale o ridursi (forma atrofica).

La funzione tiroidea può restare nella norma oppure può presentarsi:

  • un ipotiroidismo subclinico (TSH alto, FT3 ed FT4 nella norma);
  • un ipotiroidismo clinico (TSH alto, FT3 ed FT4 ridotti);
  • un ipertiroidismo transitorio (TSH basso, FT3 ed FT4 aumentati) che di solito si risolve spontaneamente.

Nella maggior parte dei casi, comunque, la storia naturale della tiroidite cronica è caratterizzata da una lenta progressione verso l’ipotiroidismo che necessita di terapia sostitutiva con ormone tiroideo.

In occasione della Settimana Mondiale della Tiroide, programmata dal 21 al 27 maggio, Marilab propone, nelle giornate di martedì 23 Maggio, dalle ore 8:30 alle 13:00, e di venerdì 26 Maggio, dalle ore 15:00 alle ore 18:00, nella sede  di FONTE MERAVIGLIOSA, la visita endocrinologia e l’ecografia tiroidea a soli 70 euro.

Per info e prenotazioni contattare il numero 06 5037678.